Aggancia questa barra allo schermo |  Disattiva gli effetti grafici


Un po' di storia non fa mai male


Le grandi invenzioni le dobbiamo alla Xerox! Interfaccia a finestre, mouse e schede ethernet.

Nel lontano 1972 la Xerox aveva già realizzato un personal computer chiamato Xerox Alto dotato di interfaccia grafica, mouse, disco rigido, interfaccia ethernet e molti applicativi come un word Xerox Alto
processor, un paint e un programma di gestione e-mail. Dopo ben 11 anni nel 1983, l'Apple, soffiando via a Xerox la maggior parte dei ricercatori al progetto Alto, mise in commercio il predecessore del Macintosh, si chiamava Lisa e dopo tutti i soldi spesi, fu un fiasco. Nel giugno del 1984 il MIT crea X-Window, l'interfaccia grafica per gli ambienti Unix. Solo nel 1985 esce Windows 1.0, il primo sistema "operativo" targato Microsoft ad avere un interfaccia bitmap (una testimonianza? controllate tutti i nomi delle cartelle contenute in \Programmi fino al recente XP, c'è una sorpresa!), insomma... nessuno mi venisse a dire la solita c.....a che le altre aziende copiano inutilmente microsoft, visto che è arrivata pure tardi per copiare!

Inoltre... Alto file browser
prima del DOS, Gary Kildall aveva inventato il CP/M, praticamente tutti i primi personal computer usavano CP/M. Ibm chiese di poter visionare il sistema operativo da adottare per i suoi computer, ma quando Ibm andò a fargli visita, era in giro a pilotare il suo aereo privato. Per cui si rivolsero a Microsoft, che era anche rivenditore dello stesso CP/M. Bill Gates poi si accorse che il CP/M non funzionava sui computer a 16 bit di Ibm, quindi comprò dall'ingegnere Tim Paterson (che poi lavorò per la Microsoft) il QDOS cambiandogli il nome in MS-DOS, adottò alcune strategie già proprie dello Unix (nato nel 1969 negli AT&T Bell Laboratories) nel "suo" sistema operativo e lo vendette a Ibm con la clausola di poterlo rivendere anche ad altre aziende.

Scritto da: Andrea Peluso (sya54M)

Commenti

Nessun commento.

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

Condividi sui tuoi social preferiti!

Facebook Linkedin Twitter Google+
.